Mondo Scuola News

Aggiornamento GPS: i certificati informatici utili per aumentare il punteggio

Condividi L'articolo

Entrare all’interno del mondo della scuola è il sogno di moltissimi aspiranti docenti. Gli anni di studio universitario, infatti, spesso sono incanalati verso questo obiettivo così importante. Eppure, a volte, può risultare difficile inserirsi nel corpo docenti.

Uno dei modi per poter incominciare a lavorare nelle scuole è rappresentato dalle GPS, ovvero le Graduatorie Provinciali per le Supplenze. Tale modalità è abbastanza recente dato che ha visto la propria nascita solo nel luglio 2020.

Questa procedura digitalizzata per le supplenze permette ai nuovi arrivati di avere maggiori opportunità di insegnare. Le graduatorie, però, non sempre risultano favorevoli e uno dei modi per poterle scalare è rappresentato dalle certificazioni informatiche.

Queste ultime, infatti, sono avvalorate dal MIUR per consentire ai docenti o aspiranti tali di aumentare il proprio bagaglio culturale. Proprio per questo motivo risulta importante acquisirle.

 

Cosa sono le GPS

Prima di avventurarci nella scoperta delle certificazioni informatiche, bisogna comprendere con dovizia di particolari che cosa siano le GPS. Come si è potuto vedere in apertura di articolo, infatti, esse sono le Graduatorie Provinciali per le Supplenze.

Un metodo di reclutamento relativamente recente, ma che sta dando già i suoi frutti all’interno del mondo scolastico. Esse sono utili per poter assegnare agli aspiranti docenti la cattedra in una scuola per quel determinato anno scolastico.

L’assegnazione annuale, del resto, risulta fondamentale. Essa è uno dei metodi più opportuni per poter aumentare il proprio punteggio in graduatoria e avanzare di livello. Infatti, maggiore sarà il punteggio ottenuto e maggiori saranno le occasioni di continuare a lavorare come insegnanti.

Le GPS, inoltre, valgono per una sola provincia. In quella stessa provincia, però, l’aspirante docente è in grado di iscriversi per molteplici classi di concorso.

In ogni caso, questo tipo di graduatorie sono suddivise in due fasce di appartenenza. Nella prima fascia vi sono i docenti abilitati, mentre nella seconda fascia vi sono gli aspiranti docenti in possesso dei regolari titoli richiesti per accedervi.

 

Le certificazioni informatiche nelle GPS

Come si è già visto, dunque, per poter scalare le Graduatorie Provinciali per le Supplenze è necessario aumentare il proprio punteggio. Ciò può risultare molto difficile se non si ha avuto l’opportunità di insegnare presso qualche scuola.

Come fare, dunque? Un modo per poter acquisire punti è rappresentato dalle certificazioni informatiche. Il MIUR, infatti, consente agli aspiranti docenti di conseguire fino a quattro certificazioni informatiche diverse per un totale di 2 punti in più in graduatoria.

Un modo utilissimo non solo per avere più occasioni nel mondo della scuola, ma anche per ampliare le proprie conoscenze. Nell’era digitale, infatti, un insegnante è obbligato a stare al passo con le nuove tecnologie e ad adoperare nuovi strumenti didattici invogliando maggiormente gli alunni allo studio.

 

Corso LIM

Tra le certificazioni informatiche più gettonate per gli insegnanti vi è sicuramente il corso LIM. Esso è un percorso formativo atto ad aggiornare i docenti sull’uso didattico della Lavagna Interattiva Multimediale.

Acquisire questo corso permette all’aspirante docente di ottenere 0,5 punti in più in graduatoria. In tutti gli istituti scolastici del nostro Paese, inoltre, la LIM è una presenza costante. Essa, infatti, permette di scrivere, ma anche di visionare filmati e immagini di varia natura.

Questa superficie interattiva consente ai docenti di sperimentare nuove modalità di didattica e agli studenti di immergersi in una diversa forma di apprendimento. Ecco perché acquisirne la certificazione risulta indispensabile.

 

Corso TABLET

Un altro corso indispensabile per i docenti è quello riguardante il TABLET. Anche tale strumento è ormai divenuto un elemento imprescindibile del mondo didattico contemporaneo.

L’introduzione del digitale nelle classi è ormai indispensabile. Proprio per tale motivo, il corso in questione garantisce agli insegnanti di interfacciarsi con gli alunni con un nuovo piglio che fa del digitale un alleato importante.

Anche per questo tipo di corso formativo, il MIUR prevede l’assegnazione di 0,5 punti in più all’interno delle Graduatorie Provinciali per le Supplenze

Sia docenti che educatori saranno in grado di approcciarsi all’insegnamento e alla classe in maniera diversa dopo tale apprendistato.

 

Corso CODING

Il corso CODING risulta essere tra i più innovativi e apprezzati e, come per le altre certificazioni informatiche, esso equivale a 0,5 punti in più all’interno delle varie graduatorie.

Questo percorso formativo è utilissimo per aiutare a incrementare il pensiero dinamico. Il pensiero  computazionale e tecnologico è ormai diventato un elemento imprescindibile nel mondo dell’insegnamento e non solo. 

Docenti e ragazzi, infatti, devono rapportarsi con una società che richiede sempre maggiori conoscenze digitali

In vista di tutto ciò, questo corso è un ottimo modo per allenare la propria mente, specialmente nel campo del problem solving. Quest’ultima capacità, difatti, è sempre più richiesta anche nel mercato del lavoro.

 

Corso PEKIT

Tra le certificazioni informatiche utili per aumentare il proprio punteggio in graduatoria vi è anche il PEKIT, valevole anche lui di 0,5 punti in più.

Questa certificazione informatica è riconosciuta dal MIUR e serve per incrementare le conoscenze dell’aspirante docente all’interno del mondo telematico. Proprio per tale motivo, spesso risulta essere suddiviso in base alle fasce di età o di competenza del cliente che vuole ottenerlo.

Questo corso si fonda sul rendere capaci i docenti di utilizzare i sistemi operativi più diffusi in tutte le loro sfaccettature. Inoltre, esso incrementa le competenze atte a creare e a condividere documenti, ma anche quelle per editare in maniera basilare immagini e video e davvero molto altro.

Uno strumento essenziale, dunque, nelle mani degli insegnanti che non possono più sottovalutare il mondo digitale e l’influenza che quest’ultimo ha sugli alunni e sull’universo scolastico in generale.

 

Corso Strumenti informatici innovativi per la didattica

Un percorso formativo riguardante l’universo delle certificazioni informatiche e con un certo rilievo è sicuramente il corso Strumenti informatici innovativi per la didattica

Riconosciuto dal MIUR, anche in questo caso si ha un risultato pari a 0,5 punti utili per le Graduatorie Provinciali per le Supplenze.

Una didattica innovativa è ormai un punto fermo della nuova visione della scuola. Il mondo, infatti, ha fatto e continua a fare passi da gigante in ambito tecnologico e gli insegnanti non possono permettersi di rimanere indietro.

Integrazione, inclusione scolastica, lotta alla dispersione scolastica, didattica digitale sono tutti elementi fondanti di questo corso che non può far altro che incrementare le competenze di un insegnante.

Il docente, infatti, ha sempre assunto anche un ruolo morale e le sue competenze non si fermano alla semplice lezione riportata in classe. Con questo corso si accrescono notevolmente le capacità didattiche.

Articoli Correlati

Corso 60 CFU
60 CFU

Il corso 60 CFU

Grandi cambiamenti sono giunti alle porte dei potenziali insegnanti della scuola italiana. In tale frangente, si sta discutendo del tanto atteso corso 60 CFU. Questa

Leggi Tutto »