Novità CCNL Istruzione e Ricerca: cosa cambia per docenti e ATA

Novità CCNL Istruzione e Ricerca cosa cambia per docenti e ATA

Novità CCNL Istruzione e Ricerca cosa cambia per docenti e ATA_Domani, 7 settembre, rappresentanti governativi e sindacali si riuniranno per inaugurare le discussioni contrattuali legate all’ipotesi di Contratto collettivo nazionale 2019/21. Il cui accordo preliminare è stato firmato dalla maggioranza delle parti presso l’Aran il 14 luglio scorso. Si prevede che l’accordo sarà ratificato ufficialmente nelle prossime settimane.

 

L’accordo preliminare, che interessa il settore Istruzione e Ricerca, ha ottenuto il sostegno di diversi sindacati, tra cui Flc Cgil, Cisl Scuola, Snals e Gilda degli Insegnanti, oltre ad Anief. Tuttavia, la Uil Scuola Rua non ha partecipato alla sottoscrizione.

 

Una volta ottenuta l’approvazione formale, le modifiche previste per il personale docente e amministrativo entreranno ufficialmente in vigore.

 

Novità CCNL Istruzione e Ricerca: cosa cambia per docenti e ATA

Seguendo l’accordo economico iniziale concluso a dicembre 2022, è stata proposta una nuova bozza di contratto per i lavoratori nel settore dell’Istruzione e della Ricerca. Essa include una serie di adeguamenti salariali sia per i docenti che per gli addetti amministrativi.

 

All’interno delle risorse finanziarie allocate dal governo e amministrate dall’Aran, la proposta prevede un innalzamento medio mensile delle retribuzioni: 124 euro per i docenti e 190 euro per i direttori dei servizi generali e amministrativi (DSGA). 

 

Inoltre, viene delineata una nuova struttura salariale per il personale docente, con un incremento della Retribuzione Professionale Docenti (RPD), che ora varia da 194,80 a 304,30 euro mensili, e del Compenso Individuale Accessorio (CIA), ora compreso tra 79,40 e 87,50 euro al mese.

 

La bozza di contratto prevede altresì un rialzo del 10% nella remunerazione per le attività extra-curriculari svolte da docenti e personale ATA. Questo aumento è finanziato dal FMOF e stabilisce nuove tariffe orarie: 55 euro per i corsi di recupero, 38,50 euro per le ore di lezione e 19,25 euro per le attività extra-didattiche, in confronto ai precedenti 50, 35 e 17,50 euro per ora.

 

CCNL Istruzione e Ricerca: i permessi retribuiti e non dei docenti con contratto a tempo determinato

La bozza del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per il settore Istruzione e Ricerca introduce anche modifiche riguardanti i permessi, sia retribuiti che non, per i docenti con contratti a termine, con scadenza al 30 giugno o al 31 agosto. 

 

Diversamente dal precedente accordo, che limitava questa opzione ai docenti a tempo indeterminato, la nuova proposta estende la possibilità di accedere a permessi retribuiti per ragioni personali o familiari anche ai docenti supplenti.

 

Nello specifico:

 

  • lutto: 3 giorni di permesso retribuiti;

 

  • matrimonio: 15 giorni di permesso retribuiti;

 

  • motivi personali o familiari: 3 giorni di permesso retribuiti;

 

  • partecipazione a concorsi o esami: massimo 8 giorni non retribuiti.

 

 

Nuova classificazione e periodo di prova del Personale ATA

Il nuovo CCNL Istruzione e Ricerca prevede, tra l’altro, anche una nuova classificazione del Personale ATA

 

AREARUOLI
CollaboratoriCollaboratore scolastico
Operatori

Operatore scolastico

Operatore dei servizi agrari

Assistenti

Assistente Amministrativo

Assistente tecnico 

Cuoco

Guardarobiere

Infermiere

Funzionari ed elevata qualificazioneDirettore dei servizi generali e amministrativi (DSGA)

 

Cambiamenti sono stati introdotti anche in merito alla durata del periodo di prova. Per il Personale ATA assunto a tempo indeterminato (sia con contratto a tempo pieno che part-time) l’ipotesi di CCNL Istruzione e Ricerca stabilisce:

 

  • Collaboratore e Operatore: 2 mesi;

 

  • Assistente: 4 mesi;

 

  • Funzionari ed elevata qualificazione: 6 mesi.  

 

 

CCNL Istruzione e Ricerca: le novità delle Graduatorie ATA terza fascia 

L’ultima bozza del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro nel campo dell’Istruzione e Ricerca introduce revisioni significative ai requisiti di accesso del Personale ATA. Questi aggiornamenti avranno un impatto sulle prossime Graduatorie ATA, previste per l’anno 2024.

 

Per esempio, per la posizione di Cuoco, la nuova normativa sostituisce il precedente requisito di una qualifica professionale con la necessità di un diploma di scuola secondaria

 

Inoltre, è stato inserito un nuovo criterio: il Certificato internazionale di alfabetizzazione digitale. Questo certificato diventerà un requisito per tutte le posizioni professionali ATA, ad eccezione del Collaboratore Scolastico.

 

Ecco i nuovi requisiti del Personale ATA:

 

RUOLOREQUISITI
Assistente amministrativo
  • Diploma di scuola secondaria di secondo grado; 
  • Certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale.
Assistente tecnico
  • Diploma di scuola secondaria di secondo grado corrispondente allo specifico settore professionale; 
  • Certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale.
Cuoco
  • Diploma di scuola secondaria di secondo grado con qualifica di tecnico dei servizi di ristorazione, settore cucina; 
  • Certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale.
Guardarobiere
  • Diploma di qualifica professionale di operatore di moda; 
  • o Diploma di scuola secondaria di secondo grado “Sistema moda”;
  • Certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale.
Infermiere
  • Laurea in scienze infermieristiche o titolo equivalente;
  • Certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale.
Collaboratore scolastico
  • Diploma di qualifica triennale rilasciato da un istituto professionale; 
  • o “Certificato di competenze” relativo al primo triennio del percorso di studi di cui al d.lgs. n. 61 del 2017.
Operatore scolastico
  • Attestato di qualifica professionale di operatore dei servizi sociali; Diploma di qualifica triennale rilasciato da un istituto professionale o “Certificato di competenze” relativo al primo triennio del percorso di studi di cui al d.lgs. n. 61 del 2017;
  • Certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale.
Operatore dei servizi agrari
  • Attestato di qualifica professionale di Operatore agrituristico o Operatore agro industriale o Operatore agro-ambientale o Operatore agro-alimentare o equipollenti; 
  • Certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale.

 

L’Operatore scolastico e novità ATA terza fascia

Nel panorama delle innovazioni relative alla terza fascia ATA, a parte l’implementazione dei requisiti legati al digitale, il vero punto di svolta è l’emergere di un nuovo profilo lavorativo: l’Operatore scolastico.

 

Lo stesso svolge, nell’ambito di specifiche istruzioni e con responsabilità connessa alla corretta esecuzione del proprio lavoro, un’attività caratterizzata da procedure ben definite che richiedono una preparazione non specialistica

 

È addetto ai servizi generali della scuola quali, a titolo esemplificativo: 

 

  • accoglienza e sorveglianza nei confronti degli alunni – nei periodi immediatamente antecedenti e successivi all’orario delle attività didattiche, nel cambio dell’ora o nell’uscita dalla classe per l’utilizzo dei servizi e durante la ricreazione – e del pubblico; 

 

  • pulizia dei locali, degli spazi scolastici, degli arredi e delle pertinenze; 

 

  • vigilanza sugli alunni, compresa l’ordinaria vigilanza e l’assistenza necessaria durante il pasto nelle mense scolastiche e, nelle scuole dell’infanzia e primaria, nell’uso dei servizi e nella cura dell’igiene personale; 

 

  • custodia e sorveglianza generica sui locali scolastici; 

 

  • collaborazione con i docenti;

 

  • attività qualificata non specialistica di assistenza e di monitoraggio delle esigenze igienico-sanitarie agli alunni con disabilità; 

 

  • supporto ai servizi amministrativi e tecnici.

 

 

Conseguire la Certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale

Per ottenere la Certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale, si rende necessario frequentare un apposito corso riconosciuto dal MIM (ex MIUR). 

 

Tra le varie certificazioni digitali valide, spiccano generalmente EIPASS e ICDL (ex ECDL), le quali vengono erogate da enti quali Certipass (ICDL) e AICA (EIPASS), anch’essi riconosciuti dal Ministero.

 

Nonostante ciò, è essenziale attendere ulteriori precisazioni da parte del Ministero per comprendere appieno quali tra le certificazioni saranno effettivamente riconosciute valide per le graduatorie ATA terza fascia e per l’attuazione della nuova classificazione relativa al personale ATA. 

 

Sarà solo a seguito di tali chiarimenti che i candidati potranno avere un quadro completo e definito riguardo alle opzioni certificate necessarie per accedere a specifici ruoli ATA.

 

L’aggiornamento delle Graduatorie ATA di terza fascia

Il nuovo contratto scuola prevede un periodo di transizione per adattarsi alla normativa appena introdotta (articolo 59 comma 10 e 11).

 

Nel dettaglio, riguardo all’aggiornamento delle Graduatorie ATA di terza fascia, coloro che intendono iscriversi per i profili di Assistente amministrativo, Assistente tecnico, Cuoco, Guardarobiere, Infermiere e Operatore dei servizi agrari dovranno necessariamente aver conseguito la Certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale.

 

Per coloro che sono già inseriti in graduatoria, purché abbiano svolto almeno un giorno di supplenza, sarà concesso un periodo di un anno per acquisire la certificazione. Trascorso tale termine, chi non avrà provveduto a ottenere il titolo richiesto sarà escluso dalla Graduatoria.

 

Da un altro punto di vista, coloro che pur essendo già inseriti in graduatoria non abbiano ottenuto la Certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale e non abbiano mai effettuato nemmeno un giorno di supplenza, saranno direttamente esclusi dalla Graduatoria ATA.

 

SCARICA IL TESTO DELL’IPOTESI DI CCNL 2019-2021

 

Condividi L'articolo

Articoli Correlati

Ecco come
Vincere il concorso Docenti
Ultime ore

La Promo scade tra:

Ore
Minuti
Secondi