Mondo Scuola News

Il percorso 30 CFU

Il percorso 30 CFU

Condividi L'articolo

Il percorso 30 CFU_La Riforma della formazione iniziale e continua e del reclutamento dei docenti (legge di conversione n. 79 del 29 giugno 2022), voluta e sostenuta dall’ex Ministro Bianchi, ha introdotto un percorso universitario/accademico abilitante di 60 CFU/CFA. Che ha mandato definitivamente in soffitta i precedenti 24 CFU. E, di conseguenza, ha modificato anche le strategie di selezione dei docenti della scuola Secondaria di primo e di secondo grado

I nuovi 60 CFU/CFA, da parte loro, sono crediti formativi universitari nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche e linguistiche.

Pertanto, il nuovo processo di reclutamento per i futuri docenti si articola così: 

  • laurea magistrale (triennale per ITP) + percorso di abilitazione di 60 CFU/CFA + concorso + anno di prova in servizio con test finale e valutazione conclusiva.

È previsto, peraltro, una fase di transizione estesa fino al 31 dicembre 2024. In tale fase, coloro che hanno ottenuto 24 CFU prima del 31 ottobre 2022 hanno ancora la possibilità di partecipare ai concorsi a cattedra. Sono, tuttavia, previsti anche percorsi formativi di 30 e 36 CFU.

Cosa prevede il DPCM 60 CFU?

I percorsi formativi di 60 CFU, 30 CFU e 36 CFU previsti dalla Riforma Bianchi saranno attivati, secondo le direttive del Ministero, entro gennaio 2025. Nel frattempo, è imminente la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del testo finale del DPCM 60 CFU

Questo fondamentale decreto attuativo è stato firmato ad inizio di agosto dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Giorgia Meloni, alla fine di un lungo processo di negoziato e dialogo con la Commissione Europea e le rappresentanze sindacali. 

Si tratta, a ben vedere, di un provvedimento cruciale per l’inaugurazione dei nuovi itinerari di formazione abilitante.

Il DPCM avrà, in particolare, il compito di delineare i contenuti e l’organizzazione dell’offerta formativa relativa ai 60 CFU/CFA.

Inoltre, disciplinerà anche:

  • il numero di crediti universitari o accademici riservati alla formazione inclusiva delle persone con disabilità;
  • il numero di ore minimo di presenze alle attività formative necessarie per l’accesso alla prova finale; 
  • le modalità di svolgimento della prova scritta e orale relative alla prova finale del percorso formativo.

Abilitazione docenti: i 5 percorsi formativi

Quando la Riforma Bianchi entrerà in vigore a pieno regime, cambieranno anche i requisiti d’accesso ai concorsi a cattedra. Sarà, infatti, indispensabile aver conseguito i 60 CFU che hanno preso il posto dei precedenti 24 CFU e che costituiscono la novità principale della riforma. 

Ad ogni modo, è previsto un periodo di transizione fino al 31 dicembre 2024. E in questa fase sarà ancora possibile partecipare ai concorsi acquisendo una quantità ridotta di CFU, ovvero 30 o 36.

Ecco, dunque, che fino al 1° gennaio 2025 saranno ben 5 i percorsi previsti:

  1. Percorso da 60 CFU: entrerà a pieno regime nel 2025, dato che da quella data l’abilitazione diverrà un requisito essenziale per accedere ai concorsi.
  1. Percorso da 30 CFU: rivolto a docenti già abilitati o che hanno conseguito una specializzazione in una diversa classe di concorso o grado di istruzione.
  1. Percorso da 30 CFU: dedicato a docenti con almeno tre anni di servizio nelle scuole statali o paritarie, di cui uno almeno nella specifica classe di concorso, e a coloro che hanno superato la prova concorsuale del concorso “straordinario bis”.
  1. Percorso da 30 CFU: previsto per i neolaureati o per chi non ha acquisito i 24 CFU entro il 31 ottobre 2022 (validi per partecipare ai concorsi fino alla fine del 2024), con l’obbligo di integrare i crediti in caso di vittoria in un concorso.
  1. Percorsi da 30 o 36 CFU: destinati a candidati ai concorsi che non hanno già ottenuto l’abilitazione. Questi itinerari si suddividono in tre categorie, in base al profilo del candidato:
  • percorso da 30 CFU per chi si candida con il titolo di accesso + 3 anni di servizio negli ultimi 5 anni nella scuola statale, di cui almeno uno nella specifica classe di concorso per la quale si partecipa;
  • percorso da 30 CFU per chi partecipa al concorso con solo 30 CFU;
  • percorso da 36 CFU per chi si candida con il titolo di accesso + 24 CFU ottenuti entro il 31 ottobre 2022.

È possibile approfondire in maniera più dettagliata i cinque percorsi in questione consultando questo articolo.  

Il percorso 30 CFU: programma e struttura

Le differenze tra i vari programmi di formazione abilitante non riguardano soltanto il contenuto e la struttura, ma anche l’adeguamento alle diverse classi di concorso

In particolare, i programmi post-concorso da 30 CFU saranno diversificati in base al profilo dei partecipanti al concorso, che potranno avere almeno 30 CFU o aver maturato 3 anni di servizio.

A causa di questa complessità, le università necessiteranno inevitabilmente di tempo per attivare e organizzare i programmi.

Il percorso 30 CFU: percorsi per gli aspiranti docenti che vogliono conseguire una seconda abilitazione

I docenti che già posseggono un’abilitazione per una specifica classe di concorso o grado di istruzione, nonché coloro che hanno ottenuto la specializzazione sul sostegno, avranno la possibilità di acquisire ulteriori abilitazioni per altre classi di concorso o gradi di istruzione.

Tale opportunità sarà fruibile, ovviamente, solo qualora i docenti possiedano le adeguate qualifiche accademiche richieste per la classe di concorso desiderata. Al fine di ottenere tale abilitazione aggiuntiva, sarà necessario completare:

  • un percorso universitario e accademico di formazione iniziale da 30 CFU, specificamente focalizzato sulle metodologie e tecnologie didattiche applicabili alle materie pertinenti.

Dopo l’adozione del Decreto Legge PA bis, sono state introdotte alcune modifiche. Nello specifico, i 30 CFU nelle metodologie e tecnologie didattiche relative alla disciplina di interesse possono ora essere conseguiti anche tramite modalità telematiche sincrone, superando la precedente soglia del 20%. Tuttavia, questo sarà possibile solo presso centri accreditati che offrono programmi di formazione specifici.

Inoltre, la necessità di completare un tirocinio diretto di 10 CFU non sarà più richiesta.

Il percorso 30 CFU: docenti con 3 anni di servizio e vincitori del Concorso Straordinario bis

I docenti con un’esperienza di almeno 3 anni di servizio nelle scuole pubbliche o paritarie negli ultimi 5 anni, che abbiano dedicato almeno un anno alla classe di concorso desiderata, avranno l’opportunità di ottenere l’abilitazione attraverso programmi appositamente pensati per loro.

Questa opzione sarà altresì disponibile per i candidati che hanno avuto successo nel Concorso Straordinario bis.

In entrambe le situazioni, l’abilitazione potrà essere acquisita seguendo i programmi abilitanti da 30 CFU.

Il percorso 30 CFU: prima e dopo il Concorso a cattedra

Fino al 31 dicembre 2024 coloro che hanno completato solo 30 CFU del percorso di formazione potranno comunque partecipare ai concorsi per l’insegnamento.

Tuttavia, gli aspiranti docenti che, avendo accumulato solo 30 crediti formativi universitari e accademici, risultano vincitori di un concorso dovranno completare la loro formazione iniziale con ulteriori 30 CFU. Inoltre, durante il loro primo anno di servizio a tempo determinato, dovranno sostenere e superare l’esame finale richiesto per ottenere l’abilitazione all’insegnamento.

Il DPCM 60 CFU, attualmente in attesa di pubblicazione, fornirà ulteriori dettagli sui contenuti dell’offerta formativa relativa ai 30 CFU necessari per accedere ai concorsi.

Intanto, però, la bozza del decreto attuativo propone la seguente struttura per il percorso da 30 CFU destinato agli aspiranti docenti che vogliono partecipare al concorso a cattedra:

Contenuto dei percorsi CFU/CFA
Discipline di area pedagogica 6
Tirocinio diretto 5
Formazione inclusiva delle persone con BES 3
Disciplina di area linguistico-digitale 3
Discipline psico-socio-antropologiche 4
Didattica delle discipline, metodologie e tecnologie didattiche applicate alle discipline di riferimento 9

Mentre per i vincitori del concorso il percorso previsto è il seguente: 

Contenuto dei percorsi CFU/CFA
Discipline di area pedagogica 4
Tirocinio indiretto 15
Didattica delle discipline, linguaggio delle discipline, Metodologie e tecnologie didattiche applicate alle discipline di riferimento 9
Discipline relative all’acquisizione di competenze nell’ambito della legislazione scolastica 2

Il percorso 30 CFU: percorsi per docenti precari vincitori di concorso e con 3 anni di servizio 

Il DPCM 60 CFU, la cui pubblicazione in Gazzetta Ufficiale è attesa a breve, stabilirà le linee guida per i percorsi di abilitazione destinati agli insegnanti che, con almeno tre anni di servizio – anche non continuativi – nell’arco degli ultimi cinque anni in scuole statali, abbiano vinto un concorso. Una condizione irrinunciabile è che almeno un anno di tale servizio sia stato svolto nella specifica classe di concorso a cui si intende partecipare.

Gli stessi dovranno poi, durante il primo anno di immissione in servizio a tempo determinato, acquisire i 30 CFU mancanti:

Contenuto dei Percorsi CFU/CFA
Discipline di area pedagogica 4
Formazione inclusiva delle persone con BES 3
Discipline di area linguistico-digitale 3
Discipline psico-socio-antropologiche 3
Didattica delle discipline, metodologie e tecnologie didattiche applicate alle discipline 6
Didattica delle discipline, metodologie e tecnologie didattiche applicate alle discipline 2
Tirocinio indiretto 9

SCARICA la bozza DPCM 60 CFU


Articoli Correlati

Inglese

Il corso di inglese online

Corso di inglese online per docenti L’importanza del corso di inglese online cresce in vista dell’avvicinarsi delle selezioni per il reclutamento del personale docente. Lo

Leggi Tutto »
Ecco come
Vincere il concorso Docenti
Ultime ore

La Promo scade tra:

Ore
Minuti
Secondi