Mondo Scuola News

I percorsi abilitanti 60 CFU e 30 CFU: novità

percorsi abilitanti 60 CFU e 30 CFU

Condividi L'articolo

I percorsi abilitanti 60 CFU e 30 CFUDa tempo ormai si sente parlare dei percorsi abilitanti 60 CFU e 30 CFU. Sono necessari per ottenere l’abilitazione all’insegnamento nella scuola secondaria di I e II grado.

Tuttavia, nonostante le continue anticipazioni, questi percorsi non sono ancora stati attuati. La ragione principale di questa situazione è che il Ministero dell’Istruzione e del Merito non ha ancora emesso il decreto definitivo in merito.

Tali percorsi servono a coloro che aspirano a diventare insegnanti nella scuola secondaria di I e II grado. Al momento, però, le informazioni a riguardo rimangono incomplete e non del tutto chiare.

I candidati interessati, comunque, possono consultare l’elenco delle università accreditate. Ciò in attesa che il Ministero dell’Istruzione compia il prossimo passo.

È importante sottolineare che diversi Atenei stanno lavorando attivamente per ottenere l’accreditamento da parte del MIM.

 

60 CFU: Università degli Studi di Genova

Nel dibattito sui percorsi abilitanti 60 e 30 CFU, è fondamentale prendere in considerazione l’Università degli Studi di Genova.

Questa istituzione accademica ha constatato un elemento. Ovvero, che i tempi tecnici necessari per implementare con successo suddetti percorsi richiedono più tempo del previsto.

Di conseguenza, si è giunti alla conclusione che tali percorsi non saranno operativi nel corso dell’anno accademico 2023/2024.

Inoltre, sul sito web dell’Università degli Studi di Genova si può leggere che:

«A seguito dell’emanazione del D.P.C.M. relativo alla “definizione del percorso universitario e accademico di formazione iniziale dei docenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado” (G.U. 25-9-2023), l’Università di Genova si sta adoperando per definire un’offerta didattica strutturata e di qualità a partire dall’a.a. 24/25».

In contrasto con questa prospettiva, l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano adotta un approccio differente. La stessa ha annunciato la ormai prossima pubblicazione dei bandi di iscrizione.

 

Le Linee guida ANVUR e i percorsi abilitanti 60 CFU e 30 CFU

Chi desidera iscriversi ai percorsi abilitanti 60 CFU e 30 CFU deve prestare attenzione al DPCM 60 CFU. Tra gli aspetti da tenere in considerazione, ci sono le Linee guida ANVUR. Esse delineano il processo di accreditamento iniziale dei programmi formativi abilitanti per gli anni accademici 2023-2024 e 2024-2025.

Inoltre, sono state ufficialmente approvate con la delibera n. 231 del 26 settembre 2023. Tuttavia, affinché le università e le istituzioni AFAM possano ottenere l’accreditamento, devono seguire una serie di procedure specifiche:

  • le università e le istituzioni AFAM devono presentare una richiesta formale di riconoscimento dei programmi formativi al MUR e all’ANVUR;
  • dopo aver ricevuto le richieste di riconoscimento, il MUR ha un periodo di dieci giorni per esaminarle e determinare se le istituzioni richiedenti soddisfano i requisiti necessari in termini di sede e struttura dei programmi, come stabilito nell’articolo 4/8 del Decreto;
  • successivamente, entro quaranta giorni dalla verifica di ammissibilità da parte del MUR, l’ANVUR collabora con gli organi di valutazione interna delle università o delle istituzioni AFAM al fine di fornire un parere motivato, in conformità con l’articolo 4/9 del Decreto;
  • infine, entro dieci giorni dalla ricezione del parere da parte dell’ANVUR, il MUR emette un decreto di riconoscimento ufficiale dei programmi formativi, seguendo quanto previsto nell’articolo 4/9 del Decreto.

 

SCARICA il PDF del DPCM 60 CFU (Gazzetta Ufficiale n. 224 del 25 settembre 2023)

Per maggiori dettagli, invitiamo a scaricare il PDF del testo integrale delle Linee Guida dell’ANVUR

Articoli Correlati

Ecco come
Vincere il concorso Docenti
Ultime ore

La Promo scade tra:

Ore
Minuti
Secondi