Mondo Scuola News

Scuola: permessi diritto studio e 60 CFU

Scuola permessi diritto studio e 60 CFU_

Condividi L'articolo

Scuola permessi diritto studio e 60 CFUSta per scadere la domanda per richiedere i permessi diritto studio: la data fissata, come ogni anno, è per il 15 novembre. A tal proposito, scopriamo insieme cosa succederà se i percorsi abilitanti da 60 CFU non saranno, per suddetta data, stati banditi. 

 

La normativa regolante questa particolare tipologia di permessi fa capolino all’art.3 DPR 395/88, anche se i criteri per la fruizione del diritto allo studio per il personale della scuola sono stabiliti dai Contratti Integrativi Regionali (CIR).

 

Cosa sono i permessi diritto studio e chi può richiederli

 

I permessi diritto studio sono delle “concessioni temporali” attive dal 1°gennaio al 31 dicembre di ogni anno, rivolte al personale scolastico che ha, in questo modo, la possibilità di usufruire di 150 ore di studio retribuite

 

Dunque, il lavoratore che li richiede ha diritto alla paga ordinaria. Possono usufruire  dei permessi diritto studio le seguenti tipologie di personale docente, educativo ed ATA:

 

  • Personale con incarico a tempo indeterminato;
  • Personale con incarico a tempo determinato fino al termine dell’anno scolastico (31/08/2024);
  • Personale con incarico a tempo determinato fino al termine dell’attività didattica (30/06/2024).

 

Alcuni Contratti Integrativi Regionali, poi, prevedono la possibilità di richiedere le 150 ore di studio anche da parte di supplenti brevi. In tal caso, naturalmente, le ore concesse vengono proporzionate alla durata dell’incarico e alle ore di servizio effettivamente prestate. 

 

Permessi di diritto allo studio e inizio percorsi abilitanti

 

C’è fermento, nel mondo accademico, circa la procedura di avviamento che concerne i percorsi abilitanti docenti

 

Con molta probabilità, l’inizio degli stessi è slittato a gennaio 2024, cosa che crea non poche difficoltà a chi si accinge a studiare con lo scopo di ottenere i 60 CFU

 

Basti ricordare, infatti, che dal 1°gennaio 2025 i 60 Crediti Formativi Universitari  rappresenteranno l’unica via di accesso per ottenere l’abilitazione all’insegnamento.

 

Si evince, dunque, l’importanza dei percorsi abilitanti docenti per tutti coloro i quali aspirano ad ottenere una cattedra: avere del tempo per prepararsi al meglio rappresenterebbe una grandissima opportunità.

 

Per il momento, però, non è possibile richiederli, in quanto i corsi di abilitazione per docenti dovrebbero avere inizio il prossimo anno. Per cui, non potendo fare l’iscrizione ad un corso, al momento inesistente, non è possibile richiedere le 150 ore annue per il diritto allo studio.

 

Richiesta dei permessi per il diritto allo studio aspettando i corsi?

 

La normativa in merito alla richiesta dei permessi diritto studio parla chiaro: la domanda deve essere presentata entro il 15 novembre 2023 con l’indicazione della sede universitaria e della tipologia di corso. 

 

Indicazione impossibile da fornire se ancora non si conosce lo specifico percorso abilitante da frequentare. In realtà, l’Ufficio scolastico regionale per il Piemonte ha aperto un barlume di speranza, offrendo la possibilità di compilare la domanda avvalendosi della voce “Istanza con Riserva”.

 

Restano, comunque, molti i dubbi sulla fattibilità della richiesta delle 150 ore di studio retribuito senza l’inizio di un corso.

 

La speranza è che i diversi Uffici Scolastici Regionali, per agevolare le numerose richieste dei docenti interessati, possano posticipare la scadenza della domanda per richiedere i permessi diritto studio.

 

Articoli Correlati

Inglese

Il corso di inglese online

Corso di inglese online per docenti L’importanza del corso di inglese online cresce in vista dell’avvicinarsi delle selezioni per il reclutamento del personale docente. Lo

Leggi Tutto »
Ecco come
Vincere il concorso Docenti
Ultime ore

La Promo scade tra:

Ore
Minuti
Secondi