Mondo Scuola News

Le GPS 2024

GPS 2024

Condividi L'articolo

GPS 2024

L’8 novembre scorso si è tenuta la riunione tra sindacati e Ministero e si è parlato dell’aggiornamento delle GPS 2024. È attesa per il prossimo anno, infatti, la possibilità di modificare il proprio punteggio nelle liste per gli aspiranti docenti, che hanno, dunque, a disposizione ancora diverso tempo per inserirsi al meglio.

Puntare ad aumentare il proprio punteggio è la strategia vincente per assicurarsi il conferimento di una supplenza.

In fin dei conti, scalare le graduatorie e migliorare il proprio posizionamento è sicuramente uno degli obiettivi principali dei futuri insegnanti. Anche perché si tratta dell’unico metodo affidabile, in grado di aumentare le probabilità di salire in cattedra.

Stiamo parlando delle Graduatorie provinciali per le supplenze. Le stesse vengono utilizzate dagli Uffici scolastici provinciali (USP) per l’assegnazione di supplenze di lunga durata.

Sia all’interno della scuola dell’Infanzia e Primaria, che nella Secondaria di I e II grado. Si tratta di incarichi a tempo determinato, che possono essere:

  • annuali (31 agosto): ovvero per la copertura delle cattedre vacanti e scoperte entro il 31 dicembre, che si prevede resteranno tali fino alla fine dell’anno scolastico in corso;
  • temporanei (30 giugno): ossia per la copertura delle cattedre scoperte entro il 31 dicembre per tutto il periodo delle attività didattiche, nonché per gli spezzoni che non andranno a costituire né cattedre né posti orario.

 

Le graduatorie nelle scuole

Le graduatorie utilizzate nelle scuole per la copertura delle cattedre scoperte sono di tre tipi: 

  • Graduatorie provinciali per le supplenze (GPS);

 

Quando manca un docente, le prime liste alle quali si ricorre sono le GaE. Solo dopo lo scorrimento o l’eventuale incapienza di queste ultime, entrano in scena le GPS. Esaurite le stesse o, comunque, dopo il 31 dicembre, i dirigenti scolastici attingono alle GI Istituite con l’ordinanza n.60 del 10 luglio 2020 dall’allora Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, le GPS hanno una validità biennale. L’ultimo aggiornamento si è chiuso il 31 maggio 2022 e sarà, quindi, valido per gli a.a. 2022/23 e 2023/24 Gli aspiranti docenti hanno la possibilità di scegliere fino a 20 scuole per ciascuna classe di concorso, ma in una sola provincia. Per il conferimento degli incarichi di supplenza, gli USP procedono alle relative nomine tenendo conto:

  • delle preferenze espresse dai docenti in sede di presentazione dell’istanza di inserimento o di aggiornamento;
  • dei punteggi conseguiti da ciascun candidato. 

  Strutturate su base provinciale, le Graduatorie provinciali per le supplenze vengono stilate e aggiornate. Questo secondo i punteggi indicati nelle relative tabelle di valutazione dei titoli.

 

Tabelle di valutazione dei titoli GPS 

Per il punteggio utile ai fini delle Graduatorie provinciali per le supplenze occorre fare riferimento alle tabelle di valutazione dei titoli. Allegate all’ordinanza ministeriale n. 112 del 06.05.2022 che ne ha disciplinato l’ultimo aggiornamento:

 

In che modo si acquisisce punteggio nelle GPS 

Ogni insegnante che aspira alla cattedra viene collocato nelle Graduatorie GPS in base al punteggio conseguito. Lo stesso risulterà determinante, quindi, ai fini dell’assegnazione degli incarichi di supplenza. Il primo requisito da esaminare, in questo contesto, è la valutazione del titolo di studio di accesso, ossia il voto di laurea. La valutazione parte da 12 punti per un voto di 76/110. Per i voti pari o superiori a 77/110 si aggiungono ulteriori 0,50 punti, fino ad un massimo di 29 punti. In caso di 110 e lode vengono sommati altri 4 punti. Lo schema è il seguente:

  • 76/110 o inferiore: punti 12;
  • per ogni voto in più rispetto a 76, vengono assegnati 0,50 punti;
  • 110/110: punti 29;
  • 110/110 con lode: punti 33.

 

I punti acquisibili con il servizio specifico e aspecifico

Per avere maggiori possibilità di vedersi assegnare un incarico di supplenza, è fondamentale accumulare quanti più punti possibile, in modo da scalare la graduatoria e migliorare il proprio posizionamento.

Paradossalmente, sono proprio i servizi svolti a garantire i maggiori vantaggi in termini di punti.

Abbiamo a disposizione due diverse tipologie di servizi prestati nelle scuole:

  • specifico: quello prestato nella propria classe di concorso;
  • aspecifico: quello prestato in una classe di concorso diversa rispetto a quella per la quale si è inseriti nelle GPS.  

 

Servizio specifico:

Giorni di supplenza Relativo punteggio
Da 16 a 45 giorni 2
Da 46 a 75 giorni 4
Da 76 a 105 giorni 6
Da 106 a 135 giorni 8
Da 136 a 165 giorni 10
Da 166 giorni in poi 12

 

Servizio aspecifico:

Giorni di supplenza Relativo punteggio
Da 16 a 45 giorni 1
Da 46 a 75 giorni 2
Da 76 a 105 giorni 3
Da 106 a 135 giorni 4
Da 136 a 165 giorni 5
Da 166 giorni in poi 6

  Il servizio di insegnamento prestato sulla specifica classe di concorso o su posti di sostegno agli alunni con disabilità sullo specifico grado attribuisce 2 punti per ciascun mese o frazione di almeno 16 giorni. Fino ad un massimo di 12 punti Dunque, in termini di punteggio il servizio aspecifico garantisce la metà dei punti rispetto a quello specifico. Lo stesso vale, ovviamente, anche per il Sostegno.

 

Come aumentare il punteggio in Graduatoria

Ai fini, poi, di aumentare il proprio punteggio, è possibile acquisire Certificazioni linguistiche e informatiche. Nonché, frequentare master e Corsi di perfezionamento. Vediamoli:

  A proposito di queste ultime, i punteggi acquisibili sono così distribuiti:   

 

Livello inglese Punteggio
B2 3 punti
C1 4 punti
C2 6 punti

 

Il punteggio sale notevolmente, inoltre, se si associa una certificazione linguistica ad un corso CLIL (Content and Language Integrated Learning). CLIL, approccio educativo che combina competenze linguistico/comunicative e disciplinari in lingua straniera e Corso d’inglese determinano:  

Livello inglese Punteggio base  CLIL Punteggio Punteggio finale
B2 3 3 6
C1 4 3 7
C2 6 3 9

 

Dunque, associando un corso CLIL ad uno di Certificazione in lingua C2 si possono ottenere ben 9 punti, utili ai fini dell’aggiornamento GPS 2024. In merito ai Master, che solitamente valgono 1 punto, l’unica eccezione è rappresentata dal Master L2 (per l’insegnamento dell’italiano agli stranieri) che, invece, vale ben 3 punti.

 

Il punteggio per i comuni di montagna

Nell’ambito dell’aggiornamento delle Graduatorie GPS 2024 sono previste importanti novità anche per quanto riguarda i Comuni di montagna.

Gli aspiranti docenti che hanno prestato, o hanno intenzione di prestare, servizio in tali zone avranno, infatti, dei vantaggi in termini di punteggio.

A stabilirlo è la bozza del DDL sul riconoscimento e la promozione delle zone montane che prevede, appunto, un punteggio aggiuntivo. Ciò per i supplenti che “abbiano prestato servizio nelle scuole di montagna, ricadenti in territori montani che presentino una situazione di particolare disagio socio – economico”.

Ad oggi, tuttavia, non è ancora stato definito l’esatto ammontare di questo bonus. Si sa, invece, che – per ottenere il riconoscimento del punteggio aggiuntivo previsto – gli aspiranti docenti in questione dovranno aver svolto almeno 180 giorni di servizio durante l’anno scolastico. Di questi, inoltre, almeno 120 dovranno essere stati espletati nelle attività didattiche.

 

Punteggio GPS per il Sostegno

Le tabelle A.7 e A.8 allegate all’ordinanza ministeriale n. 112 del 6 luglio 2022 – che ha disciplinato l’ultimo aggiornamento delle GPS – definiscono nei dettagli tutti gli aspetti legati al punteggio per gli aspiranti docenti specializzati sul sostegno.

In particolare, la tabella A.7 definisce il punteggio che viene assegnato per il Titolo di accesso di specializzazione sul sostegno sullo specifico grado in base al voto finale del TFA Sostegno:

FASCE DI VOTO TFA SOSTEGNO (TITOLO DI ACCESSO) PUNTEGGIO
Da 60 a 65 8
Da 66 a 70 10
Da 71 a 75 12
Da 76 a 80 14
Da 81 a 85 16
Da 86 a 90 18
Da 91 a 95 22
Da 96 a 100 24

 

Da precisare, però, che se il TFA Sostegno viene utilizzato – sempre nell’ambito delle GPS – per una classe di concorso diversa o in un altro grado avrà un valore pari a 9 punti.

In buona sostanza, nelle GPS Sostegno di prima e seconda fascia i 9 punti sono attribuiti per una classe di concorso e per un grado di istruzione diverso rispetto a quello di inserimento.

Quando, invece, il TFA Sostegno costituisce a tutti gli effetti titolo di accesso valgono i punteggi elencati nella tabella.

 

Nuovo punteggio Sostegno GPS 2024

La ratifica della conversione in legge del Decreto PA bis (DL n. 75 del 22 giugno 2023) prevede importanti novità anche per quanto concerne il punteggio Sostegno in vista dell’aggiornamento GPS 2024.

Il riferimento è, in particolare, all’emendamento 20.39 a firma dell’onorevole Davide Faraone (Italia Viva). Il provvedimento prende le mosse dal contesto delle Graduatorie provinciali per le supplenze relative ai posti di sostegno all’interno del sistema educativo.

La disposizione, che entrerà in vigore al primo aggiornamento successivo alla data di ratifica, mira a riconoscere un punteggio aggiuntivo di 3 punti per ciascun anno di servizio svolto successivamente al conseguimento del titolo di specializzazione sul sostegno. Questo, naturalmente, si aggiunge a quanto già riconosciuto per il servizio in sé.

In realtà, nella sua versione originaria, l’emendamento prevedeva l’assegnazione di un punteggio aggiuntivo di ben 12 punti. La versione finale rappresenta, ad ogni modo, un compromesso che tiene conto di vari fattori, tra cui l’esperienza del personale di sostegno e le esigenze del sistema educativo nel suo complesso.

Lo scopo dell’emendamento è chiaramente quello di garantire maggiori opportunità di ricevere un incarico di supplenza agli aspiranti docenti specializzati sul sostegno. Ma anche quello di favorire la loro stabilizzazione attraverso l’immissione in ruolo direttamente dalla prima fascia delle GPS.

Le fasce GPS

Le GPS sono, nello specifico, suddivise in due fasce, sia per quanto riguarda il posto comune sia per quanto riguarda quello di Sostegno. Vediamone la struttura, secondo quanto previsto dall’ordinanza ministeriale n.112 del 6 maggio 2022.

Posto  comune

Infanzia e Primaria:

  • Prima fascia: soggetti in possesso dell’abilitazione, ovvero laurea in Scienze della Formazione Primaria, oppure diploma di scuola magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002, o analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente;
  • Seconda fascia: studenti del corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria, dal terzo, quarto e quinto anno, ma che abbiano conseguito rispettivamente 150, 200 e 250 CFU.

  Secondaria di I e II grado:

  • Prima fascia: docenti già abilitati;
  • Seconda fascia: insegnanti in possesso del titolo di accesso idoneo alla specifica CdC e dei 24 CFU; oppure abilitazione su altra classe di concorso o altro grado o anche precedente inserimento nelle GPS per la medesima CdC.

 

Posto su Sostegno

  • Prima fascia: docenti specializzati su sostegno nel relativo grado;
  • Seconda fascia: soggetti privi della specializzazione, ma che abbiano maturato almeno tre anni di servizio su posti di sostegno nel relativo grado entro l’anno scolastico precedente all’inserimento nelle graduatorie, oppure in possesso del titolo di accesso alle GPS di seconda fascia del relativo grado. 

 

Cosa succederà nel 2024

Come accennato all’inizio, nei giorni scorsi, il MIM ha illustrato ai sindacati la nuova bozza del regolamento GPS 2024. Tra le principali novità del testo spicca la validità triennale del prossimo aggiornamento: a.a. 2024-2025, 2025-2026 e 2026-2027.  La FLC CGIL ha, però, riferito che la pubblicazione del DPR potrebbe avvenire tardivamente. Prospettando, così, la possibilità di una proroga dell’O.M. n.112 del 6 maggio 2022. La stessa che ha disciplinato l’aggiornamento precedente.   Rispetto alla struttura delle Graduatorie esistenti, la bozza del nuovo regolamento GPS 2024 prevede la soppressione della seconda fascia. Per la Scuola dell’Infanzia e Primaria.  A riguardo, la FLC CGIL ha fatto sapere di essere contraria a questa ipotesi. Ciò perché favorisce il ricorso alle MAD. Il tutto in un settore dell’insegnamento in cui c’è una forte carenza di insegnanti forniti del regolare titolo di accesso. 

 

I punti critici

Sotto la lente d’accusa della FLC CGIL finisce anche la penalizzazione sulla seconda fascia GPS sostegno. Questo perché tale mossa impedirebbe ai supplenti di far valere l’anno in corso svolto su posto di sostegno, ai fini dell’inserimento in II fascia.  L’attenzione, poi, è stata spostata su due tematiche di natura generale ritenute estremamente urgenti. In primis, la contrarietà rispetto al tema della conferma del supplente di sostegno per l’a.a. successivo, a cura del dirigente scolastico. In secondo luogo, l’eccessiva lentezza con cui si procede per quanto concerne l’aggiornamento delle GPS 2024. Criticità anche riguardo la mancanza di un impegno sulla pubblicazione preventiva delle disponibilità. Questo rispetto alla compilazione della scelta delle 150 sedi ai fini della stipula dei contratti al 30 giugno e 31 agosto.

 

Ancora criticità

Sempre la FLC CGIL non ha visto di buon occhio il rifiuto del ripescaggio. Questo consentirebbe, a chi è stato scavalcato nel turno di nomina, di poter essere richiamato nei turni successivi laddove sopraggiungano nuove sedi disponibili. L’organizzazione sindacale ha, inoltre, chiesto un intervento specifico teso a rendere utilizzabili gli spezzoni pari o inferiori a 6 ore ai fini della costituzione di posti orario. Per favorire il completamento della cattedra per chi, oggi, lavora con piccoli spezzoni. Critica anche la posizione di UIL Scuola RUA, che denuncia la non difformità della bozza regolamento GPS 2024 presentata. Ciò rispetto all’ordinanza ministeriale n.112/2022.  Questo implica che la stessa non recepisce praticamente nulla rispetto ai rilievi sollevati dal Consiglio di Stato. Per cui si rischia di pubblicare un regolamento i cui contenuti non sono generalmente condivisi.   

 

Verso l’aggiornamento delle GPS 2024

Accumulare punti significa, dunque, migliorare il proprio posizionamento in Graduatoria. E questo, a sua volta, si traduce in maggiori possibilità di ricevere un incarico di supplenza.

Tuttavia, gli aspiranti docenti in cerca di una cattedra – seppur a tempo determinato – non possono permettersi esitazioni né tentennamenti.

Il prossimo aggiornamento delle Graduatorie provinciali per le supplenze – previsto per il 2024 – è molto più vicino di quanto si possa pensare. Mancano, ormai, pochi mesi.

Occorre, pertanto, scegliere e pianificare al meglio i Corsi da seguire per migliorare il proprio punteggio e farsi trovare pronti. Anche un solo punto potrebbe, infatti, fare la differenza tra vedersi assegnare, o meno, un incarico.

Ecco allora che affidarsi a professionisti seri, certificati ed affidabili del nostro Mondo Scuola può risultare determinante. Per avere una consulenza puntuale e individuare i Corsi in grado di migliorare il proprio posizionamento in largo anticipo rispetto al prossimo aggiornamento delle Graduatorie GPS.

Ma, soprattutto, per scalare le Graduatorie e per ricevere la tanto attesa convocazione per una supplenza.

Vuoi scalare le graduatorie e avere la possibilità di iniziare subito a lavorare? Clicca qui e scopri come aumentare il tuo punteggio e ottenere, in questo modo, un incarico di supplenza.

INGLESE CERTIFICATO

SCOPRI I MASTER PER LE GPS ORA

MASTER MONDO SCUOLA

MASTER ITALIANO L2 E-CAMPUS 

Articoli Correlati

Ecco come
Vincere il concorso Docenti
Ultime ore

La Promo scade tra:

Ore
Minuti
Secondi