Mondo Scuola News

Come compilare una MAD e quanti tipi di MAD esistono

Condividi L'articolo

La Messa a disposizione è senz’altro un’alternativa validissima per poter entrare a far parte del mondo della scuola. 

Si tratta di una candidatura informale e spontanea da inviare direttamente al dirigente scolastico e permette di entrare nel mondo della scuola anche senza avere una specializzazione.

Tuttavia non esiste un solo tipo di MAD, ma ce ne sono diverse:

  • MAD Classica, per chi desidera essere convocato per incarichi di supplenza;
  • MAD su Sostegno dedicata agli aspiranti insegnanti di sostegno;
  • MAD ATA per tutto coloro i quali sono interessati ad incarichi scolastici che non riguardano la docenza;
  • MAD Recuperi Estivi dedicata a chi dichiara la sua disponibilità per i corsi estivi di recupero.

La MAD classica è una domanda semplice per una o più classi di concorso, in un istituto che verrà scelto nella provincia selezionata dal candidato.

La MAD su sostegno è specifica per ricoprire il ruolo di supplente su posto di sostegno. Ricoprire un incarico su posto di sostegno può aprire molte più porte e possibilità da sfruttare. C’è però da fare una precisazione per questo tipo di MAD. Esiste la possibilità di inviare questa domanda soltanto in una singola provincia e solo se in possesso del titolo di specializzazione. 

La MAD ATA è la candidatura spontanea per occupare (temporaneamente) il posto come personale amministrativo, tecnico o ausiliario di un istituto. 

Per quanto riguarda la MAD sui corsi di recupero estivi, questa farà il suo dovere quando ci saranno alunni con debiti formativi accumulati durante l’anno scolastico. Verranno aperti dei corsi estivi con insegnanti di recupero che aiuteranno gli studenti a colmare questi debiti. Anche fino al 31 agosto, se necessario. 

 

Requisiti per inviare una MAD

Le MAD devono essere presentate solo dai docenti che non risultano iscritti in alcuna graduatoria, GPS o GI. E possono essere fatte per una sola provincia da dichiarare espressamente nell’istanza. 

Anche se per l’anno scolastico 2021/2022 è stata aggiunta una misura correttiva. In via eccezionale è stato possibile nominare personale docente messosi a disposizione anche se incluso nelle graduatorie di altre province.

 Ad ogni modo, in  tal caso, prima di accettare una supplenza da MAD, sarebbe bene aspettare che siano concluse le attribuzioni da GPS, altrimenti ci si potrebbe ritrovare bloccati e sanzionabili.

Quindi, per quanto riguarda l’anno scolastico 2021/2022, un aspirante docente ha potuto presentare la MAD anche se già inserito nelle graduatorie di un’altra provincia. In questo modo ha moltiplicato le sue possibilità di chiamata. 

Ad ogni modo, per presentare una MAD si è soggetti agli stessi vincoli e criteri che devono soddisfare i candidati delle GPS e GI. Compresi i requisiti per poter insegnare in una determinata classe di concorso o in uno specifico grado scolastico. L’unica differenza è che, ai fini della MAD, non è necessario aver conseguito i 24 CFU in discipline socio-psico-pedagogiche e metodologie didattiche per l’insegnamento durante il proprio percorso di studi.  

Chiaramente la MAD viene in soccorso di tutti gli aspiranti docenti che decidono di intraprendere la carriera scolastica in un momento in cui le Graduatorie sono chiuse.

Grazie alla MAD si può, in qualche modo,  evitare di perdere troppo tempo di attesa della riapertura delle graduatorie. 

 

Come compilare una MAD

Le domande di MAD si rendono in regime di autocertificazione. Non esistono format precisi da seguire. Tuttavia non si può scrivere qualsiasi cosa. Bisogna comunque essere impeccabili, per fare buona impressione e per facilitare le verifiche dei titoli dichiarati.

La domanda deve, inoltre, contenere tutte le dichiarazioni necessarie per consentire la verifica dei requisiti riportati. E possono essere riportati anche  tipi di requisiti che non rispondono a quelli richiesti per ricoprire un determinato ruolo. 

In generale nella candidatura bisogna indicare:

  • dati anagrafici;
  • titoli di studio;
  • specializzazioni;
  • esperienze precedenti, se ci sono.

In allegato, insieme alla MAD, va presentata anche una copia del proprio documento d’identità ed è consigliabile includere anche copie del proprio curriculum vitae in formato europeo, degli attestati delle proprie qualifiche e del proprio piano di studi universitario.

Dopodiché, bisogna scegliere la provincia di proprio interesse, ricordando che non ci sono vincoli geografici di nessun tipo e che si può fare richiesta per una o più province, anche per tutta l’Italia.

Infine, bisogna specificare le classi di concorso alle quali si desidera partecipare.

C’è, inoltre, la possibilità di candidarsi qualsiasi sia il proprio status. Ci si può candidare con un diploma, con una triennale, una magistrale, una specialistica, o una laurea vecchio ordinamento. La richiesta va compilata secondo il proprio percorso di studi, che è sempre unico, e poi va inviata agli istituti prescelti. 

Solitamente l’invio si effettua tramite mail ordinaria, ma può darsi che alcuni istituti abbiano delle piattaforme dedicate per ricevere questo genere di domande.

Ovviamente bisogna avere particolare cura e attenzione nella redazione della MAD. Deve essere scritta in linguaggio formale e va evitato qualsiasi errore di sorta, che sarebbe un pessimo biglietto da visita, visto che il dirigente che la riceverà dovrà scegliere personalmente il candidato giusto per il proprio istituto.

Per rendere tutto più facile ed eliminare alla radice qualsiasi problematica, noi di Scuola Moscati abbiamo creato un sistema per poter inviare la domanda di Messa a Disposizione in modo automatico, senza perdere tempo e, soprattutto, senza errori.

Il nostro servizio MAD Facile libererà da qualsiasi problema legato alla Messa a Disposizione.

Ovviamente ci sarà la possibilità di inviare la MAD dove si vuole, per una provincia, per un regione o, anche per tutto il territorio nazionale. 

Per avere informazioni su questo servizio basta telefonare al numero 0981/1848023 oppure visitare la relativa pagina e, a questo punto, scegliere il tipo di MAD più adatto alla situazione.

Dal momento che la domanda può essere inviata direttamente senza attraversare le mille insidie nascoste tra i portali online, si tratta di un procedimento abbastanza intuitivo. Ad ogni modo affidarsi ad enti specializzati è sempre meglio per poter azzerare qualsiasi possibilità di errore.

Scuola Moscati ha creato un servizio apposito per rendere la candidatura semplice e impeccabile. Sarà inviata velocemente e riuscirà a fare centro al primo colpo.

Articoli Correlati

Inglese

Il corso di inglese online

Corso di inglese online per docenti L’importanza del corso di inglese online cresce in vista dell’avvicinarsi delle selezioni per il reclutamento del personale docente. Lo

Leggi Tutto »
Ecco come
Vincere il concorso Docenti
Ultime ore

La Promo scade tra:

Ore
Minuti
Secondi