Mondo Scuola News

I percorsi abilitanti 60 CFU Unige

Condividi L'articolo

I percorsi abilitanti 60 CFU UnigeL’importanza della formazione degli insegnanti nell’istruzione è innegabile. In particolare, è fondamentale sottolineare il ruolo cruciale dei percorsi abilitanti da 60 CFU Unige.

Gli aspiranti insegnanti, per intraprendere questa carriera, devono fare affidamento sul DPCM 60 CFU. Questo decreto ha apportato importanti modifiche alla normativa riguardante il reclutamento di professionisti dell’istruzione.

Tutto ciò ha origine dalla cosiddetta Riforma Bianchi. La stessa è stata promulgata attraverso il Decreto-Legge n. 36 del 30 aprile 2022. Da allora, i candidati desiderosi di diventare docenti hanno atteso con ansia l’implementazione di queste nuove norme.

Tuttavia, è importante sottolineare che i candidati possono trovare orientamento e informazioni utili nelle Linee guida ANVUR.

Esse sono specificamente orientate all’accreditamento iniziale dei percorsi abilitanti per gli anni accademici 2023-2024 e 2024-2025.

 

A cosa servono i percorsi abilitanti 60 CFU Unige?

L’ingresso nel mondo dell’istruzione richiede la conoscenza delle regole stabilite dal Ministero dell’Istruzione e del Merito. Le stesse si riversano nei percorsi abilitanti 60 CFU Unige.

Tali percorsi universitari offrono un’opportunità unica. Possono condurre sia all’abilitazione nella classe di concorso desiderata, sia al raggiungimento di una cattedra a tempo indeterminato.

Quindi, chi è il pubblico a cui sono destinati questi 60 CFU? Essi sono rivolti ai futuri insegnanti della scuola secondaria di I e II grado.

Il tutto è volto alla promozione delle conoscenze dei prossimi insegnanti, ma concentrarsi anche su aree specifiche. Uno degli obiettivi principali, infatti, è l’approfondimento delle discipline antropo-psico-pedagogiche

La formazione, inoltre, si prefigge anche di sviluppare competenze fondamentali legate alle metodologie d’insegnamento. Si parla anche dell’utilizzo delle tecnologie educative e alla padronanza delle lingue. 

Infine, una parte integrante di questo percorso è la formazione pratica. I candidati devono essere pronti a mettere in pratica ciò che imparano affrontando tirocini presso le istituzioni scolastiche.

 

Da quando saranno obbligatori i 60 CFU?

Alcune informazioni fondamentali richiedono un approccio completamente diverso per essere comprese in profondità. Si sta parlando dei percorsi abilitanti 60 CFU Unige.

Tale regolamentazione entrerà in vigore a partire dal 1° gennaio 2025. I percorsi abilitanti 60 CFU Unige rappresentano una significativa innovazione nel campo dell’istruzione.

Essi mirano a preparare futuri insegnanti attraverso un approccio formativo basato su 60 CFU. In merito, è importante sottolineare che il percorso di abilitazione richiederà sia una prova scritta che una lezione simulata.

La prova scritta si basa sulla capacità di analizzare in modo critico l’esperienza di tirocinio scolastico acquisita durante la formazione.

La lezione simulata è un’altra componente essenziale di questi percorsi abilitanti. Qui, gli aspiranti insegnanti avranno l’opportunità di dimostrare le loro abilità didattiche in un contesto simulato.

 

I criteri di accesso

Come già discusso in precedenza, i percorsi abilitanti 60 CFU Unige richiedono il completamento di un determinato numero di crediti formativi. 

Tuttavia, è fondamentale evidenziare che l’ammissione a questa opportunità formativa non è aperta a tutti. Essa è soggetta a rigorosi criteri di selezione che devono essere seguiti attentamente. 

Di seguito, una tabella riassume i requisiti necessari per poter accedere all’Università degli Studi di Genova.

Percorso CFU Destinatari Requisiti
60 CFU Laureati
60 CFU ITP Diploma fino al 31 dicembre 2024. Dal 1° gennaio 2025: laurea
60 CFU Studenti in corsi di studio per insegnanti Acquisizione di almeno 180 CFU

 

Formazione iniziale docenti

I futuri insegnanti devono acquisire una comprensione approfondita dei percorsi abilitanti 60 CFU Unige. Il percorso che devono seguire comprende i seguenti passaggi:

  • formazione universitaria e accademica abilitante. Gli aspiranti docenti devono completare un percorso di formazione iniziale presso un’istituzione universitaria o accademica. È obbligatorio ottenere almeno 60 Crediti Formativi Universitari o Accademici;
  • concorso pubblico nazionale. Dopo aver ottenuto i 60 CFU/CFA, i candidati devono partecipare a un concorso pubblico nazionale. Questo concorso può essere organizzato a livello regionale o interregionale, a seconda delle normative locali vigenti;
  • periodo di prova in servizio. Una volta superato il concorso, gli aspiranti docenti entrano in un periodo di prova in servizio. Questo periodo ha una durata di un anno e include un test finale e una valutazione conclusiva.

 

La prova finale

Il cammino dei percorsi abilitanti 60 CFU Unige costituisce una tappa fondamentale nel percorso formativo. Tale fase culmina con un esame complesso, che comprende, come si è visto, sia una prova scritta che una simulazione di insegnamento.

L’esame scritto richiede ai candidati di condurre una breve analisi critica di episodi, situazioni e domande rilevanti nel loro campo di studio. Questi aspetti dovrebbero emergere durante il periodo di tirocinio nel corso di formazione iniziale.

Inoltre, viene posta particolare enfasi sulle attività di laboratorio e sulla capacità di acquisire conoscenze psicopedagogiche. Infine, la simulazione dell’insegnamento rappresenta un elemento cruciale di questa valutazione.

Qui, i partecipanti devono dimostrare la loro abilità nel condurre una lezione. Il tutto utilizzando le più moderne tecnologie digitali e multimediali a disposizione.

 

60 CFU Università degli studi di Genova

Da quanto detto, coloro che aspirano a diventare insegnanti hanno sicuramente riconosciuto l’importanza dei percorsi abilitanti 60 CFU Unige

È evidente che desiderino ottenere ulteriori dettagli in merito. Tuttavia, al momento il governo non ha ancora rilasciato tutte le istruzioni necessarie per iniziare questa formazione iniziale. 

Fortunatamente, l’Università di Genova ha creato una pagina web dedicata agli aspiranti partecipanti, dove verranno pubblicate tutte le informazioni relative ai tanto attesi 60 CFU.

Ora non resta che attendere con trepidazione le prossime azioni e comunicazioni che verranno emanate dal MIM. Ciò, affinché gli aspiranti docenti possano finalmente iniziare il loro percorso di formazione adeguata.

 

SCARICA il PDF del DPCM 60 CFU (Gazzetta Ufficiale n. 224 del 25 settembre 2023)

 

Articoli Correlati

Ecco come
Vincere il concorso Docenti
Ultime ore

La Promo scade tra:

Ore
Minuti
Secondi