Siamo ente accreditato

Mondo Scuola News

Concorso ordinario – Problemi con la ricevuta di versamento

Condividi L'articolo

Tutto pronto per la partenza del concorso ordinario per la scuola secondaria, fra le indicazioni principali per i partecipanti, ci sono, ovviamente, quelle relative alla documentazione da portare con sé il giorno della prova scritta

È dedicata particolare attenzione alla ricevuta di versamento per il contributo di segreteria, senza la quale non sarà possibile partecipare al concorso.

Diversi sono i documenti da portare il giorno dello svolgimento della prova. Nello specifico, i candidati dovranno essere forniti di:

  • documento d’identità valido;
  • codice fiscale;
  • green pass base;
  • autocertificazione che attesti lo stato di salute in relazione al Covid-19;
  • la sopracitata ricevuta di versamento del contributo di segreteria.

Per poter reperire la ricevuta del proprio versamento bisogna risalire al metodo di pagamento utilizzato. I bonifici sono stati effettuati solo tramite il sistema “Pago in Rete” e si possono trovare le ricevute qui .

 

Problemi relativi alla ricevuta

Una volta scaricata la ricevuta di versamento dei contributi di segreteria, è consigliabile controllare la correttezza, dal momento che le domande per questo concorso sono state fatte quasi due anni fa.

 Tuttavia, molti candidati stanno segnalando problemi relativi a tale ricevuta.

Gli errori più diffusi sono i seguenti:

  • la dicitura  “__” alla voce causale invece della classe di concorso;
  • la mancata indicazione della regione e della classe di concorso nella ricevuta di pagamento;
  • la causale “Concorso ordinario personale docente scuola dell’INFANZIA e PRIMARIA, di cui al D.D. 498 del 21 aprile 2020 (PARTECIPAZIONE AD UNA PROCEDURA CONCORSUALE)”.

Alcuni degli Uffici Scolastici Regionali interessati, stanno dando degli avvisi per chiarire le problematiche riscontrate, dicendo che i candidati potranno regolarizzare la propria posizione nei giorni immediatamente successivi alla prova scritta, e potranno comunque sostenere la prova compilando un’autocertificazione dove vengono specificate: classe di concorso, regione di svolgimento della prova e numero identificativo della ricevuta

Ad ogni modo, si attendono chiarimenti da parte del Ministero in merito a tali problematiche.

Articoli Correlati

Abilitazione sostegno
TFA Sostegno

Corso per insegnante di sostegno

L’istruzione italiana si basa su un principio fondamentale: l’integrazione scolastica. Per concretizzare questo progetto si è creato un corso per insegnante di sostegno. Quest’ultimo, infatti,

Leggi Tutto »